• +39 0774 447733

    • Italiano
    • Inglese
    • Cinese semplificato

    Terme di Tivoli: i benefici delle Acque Albule

    Quando si parla delle Terme di Tivoli, si parla di Acque Albule. E allora… partiamo dalle basi.

    • Cosa sono le Acque Albule? 
      Sono acque minerali solfuree efficaci contro patologie respiratorie, reumatiche, urinarie e dermatologiche.
    • Perché si chiamano Acqua Albule? 
      Perché hanno un colore biancastro dovuto a due sostanze in esse disciolte: l’anidride carbonica e l’idrogeno solforato.
    • Da dove vengono le Acque Albule?
      Arrivano da due laghi: il lago della Regina, grande e poco profondo, ed il lago delle Colonnelle, più piccolo e profondo. L’acqua scaturisce a ben 3mila litri al secondo ad una temperatura di 23° gradi grazie alla residua attività del Vulcano Laziale.

    E soprattutto…

    terme-tivoli-balneoterapiaQuali benefici apportano le Acque Albule?

    In dermatologia

    Le acque albule di Tivoli aiutano a contrastare acne, dermatiti, psoriasi, eczemi e funghi della pelle, grazie alle loro proprietà:

    • seboregolatrici;
    • antinfiammatorie con conseguente riduzione del prurito;
    • antimicrobiche e antiparassitarie con effetti positivi sulle micosi cutanee;
    • cheratoplastiche e cheratolitiche, ossia sono in grado di ammorbidire e dissolvere lo strato più superficiale dell’epidermide e di stimolare la produzione di nuovo strato corneo più sano e morbido; ciò ha effetto positivo su calli, verruche, patologie con effetti desquamanti come psoriasi e dermatiti e, visti i suoi effetti purificatori e astringenti, sull’acne.

    Il modo più diffuso per beneficiare di questi effetti sulla pelle è bagnarsi nelle piscine termali o sottoporsi a cicli di balneoterapia. La balneoterapia consiste nell’immersione in acqua termale calda per 15-20 minuti, per cicli di circa 10 immersioni. La balneoterapia determina anche l’assorbimento di minerali soprattutto tramite inalazione, con effetti positivi su diverse patologie (alterazioni allergiche ed epatiche, stati di intossicazione etc.)

     

    terme-di-tivoli-fangoterapiaTrattamenti per malattie delle vene e delle arterie

    La fangobalneoterapia è il trattamento di punta per chi soffre di problemi legati alla circolazione del sangue, artrosi, cervicalgie, periartiti, tendiniti, borsiti etc. ma anche per contrastare dolore, edemi e dolore in caso di contusioni, distorsioni e fratture. Il fango applicato è il risultato dell’unione di argilla ed acqua termale, lasciato maturare per 6 mesi: durante questo periodo di tempo, gli elementi si modificano, dando luogo ad un fango delle proprietà benefiche uniche.

    Il fango viene poi spalmato ad una temperatura di circa 40° (salvo diverse indicazioni mediche) sulle zone del corpo interessate, che vengono poi avvolte in teli caldi per evitare che il fango si raffreddi prima della fine del trattamento. Dopo 15-30 minuti il paziente viene lavato con acqua termale e lasciato riposare su un lettino affinché continuino gli effetti biologici della fangatura. E il risultato è garantito!

    terme-di-tivoli-cure-inalatorieBenefici per i problemi respiratori e otorino-laringoiatrici

    Famose sono le cure inalatorie con acque albule utilizzate per contrastare problemi respiratori. Tante le alernative, ognuna sviluppata ad hoc per combattere una specifica patologia: docce nasali, inalazioni, aerosol, insufflazioni.

    Trattamenti di medicina termale in grado di avere effetti positivi su vari tipi di bronchite, asma bronchiale ed enfisema con infiammazione di grado lieve e moderato. Le cure inalatorie con le acque albume vengono consigliate anche per malattie otorino-laringoiatriche come vari tipi di rinite, di sinusite, di laringite, di otite e catarro. Ovviamente in caso di patologie croniche si avvertono benefici soprattutto se ci si sottopone a più cicli di inalazioni a distanza di tempo. Provare per credere!

     

    Vieni a trovarci al Green Park Madama e vivi l’esperienza delle Terme di Tivoli!

    • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.